Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:14 METEO:CASTELNUOVO DI GARFAGNANA18°29°  QuiNews.net
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
martedì 16 agosto 2022

RACCONTI E RIMEDI — il Blog di Ciro Vestita

Ciro Vestita

Medico fitoterapeuta, è docente in Nutrizione umana e fitoterapia all'Università di Pisa. È consulente per Rai Uno per i programmi "Porta a Porta", "Linea Verde", "Buongiorno Benessere"e "Uno Mattina." Tra i suoi libri: "La farmacia e la dispensa del buon Dio."

Le follie del Führer ed i benefici dell'acacia

di Ciro Vestita - mercoledì 16 febbraio 2022 ore 07:30

Dopo la famigerata “Notte dei Cristalli “ nel '38 iniziarono nella Germania nazista i pogrom contro gli Ebrei.

Nel suo delirio di onnipotenza il Furher si sentiva padrone del mondo con un unico problema: aveva bisogno che qualcuno vidimasse la superiorità su Russi e Polacchi della razza ariana.

Il suo vice Herman Goring capo della Luftwaffe venne a conoscenza di uno scritto il “De Germania” dello storico romano Tacito (55 dc) nel quale si esaltava la superiorità della razza germanica rispetto ai popoli confinanti; era quello che serviva ai nazisti.

Il manoscritto era di proprietà del Conte Balleani di Jesi al quale immediatamente Mussolini si rivolse per venire incontro alle follie razziali del suo amico tedesco.

Ma il conte Balleani aveva la schiena diritta e non si piego' alla richiesta del Duce.

Si mosse allora la Gestapo ma il Conte fuggì da Jesi riparando a Firenze mettendo al sicuro il manoscritto in una cassetta di sicurezza in una banca fiorentina .

Purtroppo il Conte morì anni dopo e del manoscritto non si seppe più nulla finché' nel 1966 con l'alluvione di Firenze un pompiere non vide galleggiare in un vicolo alluvionato una elegante cassetta ricoperta di fango.

Aprendola venne fuori illeso il manoscritto di Tacito; il miracolo della sua conservazione in quell'inferno di acqua fu il legno di Acacia della cassetta, legno impermeabile e coeso usato ad esempio dagli architetti veneziani per costruire immarcescibili palafitte su cui poggiano i palazzi della Serenissima.

Questo nobile albero e' usato anche in Fitoterapia per uso esterno.

Una metodica antica e' quella di fare una decozione di foglie e fiori di Acacia e farne un pediluvio di una ventina di minuti.

Molecole salutari attraverseranno la barriera cutanea delle caviglie creando benefici a tutto il corpo. Molto utile ad esempio ai soggetti che soffrono di cefalea.

Ciro Vestita

Articoli dal Blog “Racconti e rimedi” di Ciro Vestita

Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità