Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:44 METEO:CASTELNUOVO DI GARFAGNANA10°  QuiNews.net
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, l'annuncio ufficiale: «Dopo due Festival così, non ci sarà un Ama-ter»

Attualità domenica 14 febbraio 2021 ore 10:16

La montagna ha mal di cuore, mancano specialisti

Ospedale di Barga

La coperta è corta a livello nazionale, ma ancor più in Valle del Serchio la Asl conferma le difficoltà a mantenere costante il numero di cardiologi



BARGA — La montagna ha mal di cuore, mancano specialisti in cardiologia in numero sufficiente a mantenere costante il numero di professionisti. A certificare la penuria è il direttore ospedaliero dei presidi di Lucca e della Valle del Serchio Michela Maielli, che imputa l'acuirsi del problema sulla montagna lucchese alle continue mobilità che si sommano a una situazione di carenza strutturale di specialisti.

“La carenza sul territorio nazionale dei medici specialisti, anche in Cardiologia - evidenzia Maielli - ha sicuramente determinato problematiche nella gestione delle attività programmate nella zona Valle del Serchio, dove ancor di più che altrove è difficile mantenere un costante numero di specialisti per le continue mobilità". 

Per creare minori disagi alla popolazione e per garantire la presenza del cardiologo H24 sullo stabilimento ospedaliero di Castelnuovo Garfagnana, spiega la direttrice, è stato necessario rivedere l'organizzazione ambulatoriale che, tuttavia, ha sempre soddisfatto le richieste codificate come brevi, oltre a tutte le urgenze richieste dai medici di medicina generale del territorio della Valle del Serchio.

“Sono in atto anche - aggiunge Maielli - alcune attività di perfezionamento dei sistemi informatici relative alla lettura degli elettrocardiogrammi inviati da Barga a Castelnuovo per la presa in carico precoce del paziente ricoverato e senza necessità di trasferimento della persona da una struttura all’altra. L’Azienda sta lavorando da tempo per reperire i professionisti, ma incontra notevoli difficoltà sia per la nota carenza di specialisti, che al momento riguarda la maggior parte delle regioni italiane, sia perché pochi medici si rendono disponibili a lavorare nel presidio della Valle del Serchio”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità