Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:37 METEO:CASTELNUOVO DI GARFAGNANA11°  QuiNews.net
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il portuale di Trieste no vax che protestava contro il Green pass, ora è intubato: «Ho i polmoni distrutti, sono pentito»

Attualità domenica 30 maggio 2021 ore 14:17

Turisti di gusto in sei tappe tra necci e tordelli

Un neccio

Tocca la Garfagnana, la Piana e la Versilia l'itinerario illustrato dallo storico Franco Cardini attraverso le prelibatezze della Lucchesia



PROVINCIA DI LUCCA — Sono 30 chilometri dalla Garfagnana alla Piana e alla Versilia con tappe di gusto a base di necci, tordelli, buccellato e chi più ne ha più ne divori: è il percorso proposto da La Cucina di Lucca, uno degli itinerari di Artour Toscana che si snoda tra Gallicano, Collemandina, Lucca, Capannori e Viareggio. Il progetto di Artex offre ai viaggiatori spunti per conoscere il territorio con un turismo lento e sostenibile.

Nella provincia di Lucca si passa per i necci, considerati una gloria locale, i tordelli (rigorosamente con la d), la farinata, la minestra di farro o la marmugia del Guinigi e una carrellata di dolci: dalla crème-caramel alla Puccini al buccellato, la treccia dolce aromatizzata all'anice che arriva addirittura dall'Antica Roma.

A fare da guida in questo tour tra paesaggi, patrimonio artistico e pietanze è lo storico Franco Cardini: “Lucca è una città aristocratica, fiera della sua indipendenza repubblicana mantenuta fino all'Ottocento e ha comunicato al suo territorio questa fierezza”, scrive il professore nelle sue note antropostoriche a corredo dell'itinerario. 

“Nel triangolo di costa chiusa ad ampio golfo, tra Mar di Liguria e Tirreno, le città 'minori' guardano ad essa come alla loro metropoli meridionale; poi ci sono Parma a nordest e Genova a nordovest. Questa toscanità signorilmente un po’ 'tenuta a bada' si riflette sul cibo. I lucchesi amano i primi 'asciuttii di sfoglia ripiena; ma li chiamano tordelli, con la d (non tortelli né tantomeno tortellini): e nel ripieno, con la carne di manzo e di maiale, le uova e la bietola lessata ci mettono il formaggio parmigiano ed – ebbene sì – la mortadella bolognese”, è ancora la penna di Cardini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le nuove infezioni sono emerse in tre distinti territori comunali tra Media Valle e Garfagnana. Ecco in dettaglio tutti i dati aggiornati
DOMANI AVVENNE
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità