QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CASTELNUOVO DI GARFAGNANA
Oggi 18°19° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
martedì 16 luglio 2019

Attualità lunedì 06 maggio 2019 ore 17:15

Gelo e neve mettono a rischio i raccolti

E’ quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti sugli effetti dell’ondata di maltempo nelle campagne della Garfagnana



CAREGGINE — "L’anomala ondata di maltempo accompagnata da gelo e neve mette a rischio i raccolti di verdure e ortaggi dell’alta Garfagnana e della lucchesia e preoccupa gli agricoltori. I più pensierosi sono gli apicoltori: il freddo sta bloccando la fioritura dell’acacia e delle altre varietà con conseguenze per la prossima produzione". E’ quanto emerge dal primo monitoraggio della Coldiretti Lucca sugli effetti dell’ondata di maltempo, vento forte e neve.

La neve è caduta su diversi comuni della Garfagnana come Vagli Sotto, Careggine, da Villa Collemandina, Castiglione di Garfagnana ma anche Bagni di Lucca e Barga. “Le temperature sotto zero – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Lucca - danneggiano le coltivazioni invernali ma anche su viti e prodotti del sottobosco come i frutti del bosco che sono in una fase molto delicata”.

Il conto per l’agricoltura potrebbe salire in misura esponenziale perché con le temperature basse per più giorni rischiano di essere compromesse anche le piante, dagli agrumi agli ulivi. Tra i più preoccupati c’è anche Andrea Elmi, Presidente Coldiretti Lucca, co-titolare insieme a Gianluca Guidi e Marco Raffaelli dell’azienda agricola “Maestà della Formica”. Il suo è il più alto vitigno della Toscana: le sue viti di Riesling sono coltivate a 1.050 metri di altezza nel Comune di Careggine. Ma a rischio ci sono soprattutto i prodotti del bosco con cui produce marmellate e sciroppi. “Si, sono molto preoccupato. – spiega Elmi – I fiori dei mirtilli così come il ribes e le fragole sono già germogliati. Se questo fosse successo qualche settimana fa sarebbe stato diverso, ma in primavera può fare danni enormi. Un altro repentino crollo delle temperature può bruciare il raccolto dei frutti del bosco. Aspettiamo ancora qualche giorno per capire e valutare sperando che questa ondata anomala sia l’ultima di una stagione così mai imprevedibile”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Lavoro

Attualità