QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CASTELNUOVO DI GARFAGNANA
Oggi 16°24° 
Domani 18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
martedì 25 settembre 2018

Attualità lunedì 25 giugno 2018 ore 17:10

"Kme, presentato piano rilancio ma non basta"

La Fiom Cgil plaude al progetto dell'azienda ma chiede ammortizzatori sociali per evitare gli esuberi a Fornaci di Barga, Firenze e Serravalle Scrivia



BARGA — Nell'incontro che si è svolto oggi al Ministero dello sviluppo economico, l’azienda Kme ha presentato il piano industriale di rilancio, con un investimento complessivo di circa 70 milioni di euro. I tempi di attuazione sono previsti in 18/24 mesi e prevedono anche un impianto di autoproduzione di energia elettrica, (soggetto a specifiche autorizzazioni) la creazione di un polo accademico e sull’economia circolare. 

"Questo - spiegano il coordinatore nazionale Fiom gruppo Kme Massimo Braccini e il coordinatore nazionale siderurgia Fiom nazionale Mirco Rota - permetterebbe un recupero complessivo dell’occupazione, ma ad oggi permane un esubero di 140 lavoratori sui circa 1000 addetti tra gli stabilimenti di Fornaci di Barga, Serravalle Scrivia ed il centro direzionale a Firenze, tenendo presente che gli ammortizzatori scadono nel mese di settembre. Abbiamo messo in evidenza che il settore della metallurgia riteniamo che debba essere ritenuto fondamentale per un paese industriale. Da parte del Ministero è stato fatto presente che a legislazione invariata non sono previsti ulteriori ammortizzatori sociali. Tuttavia, ci siamo dati appuntamento al 5 luglio per un nuovo incontro presso il Ministero per capire quali soluzioni possono essere trovate in tempi rapidi volte a fare in modo di garantire un futuro solido a questo importante gruppo industriale ed evitare assolutamente licenziamenti".

"Crediamo - dicono dalla Fiom - che di fronte ad una prospettiva industriale, di investimenti e di totale recupero occupazionale, considerando che questo aprirebbe anche prospettive positive per tutto l’indotto, una soluzione vada trovata, andando a capire bene anche fino in fondo le leggi in materia, ben sapendo che il tema degli ammortizzatori sociali è sempre più un tema urgente per il paese che chiama in causa direttamente il Governo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità