comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:41 METEO:CASTELNUOVO DI GARFAGNANA9°  QuiNews.net
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bellanova: «Italia viva si asterrà in Senato. Serve riprendere il discorso sui temi, non mettere in discussione la maggioranza»

Attualità lunedì 21 dicembre 2020 ore 18:43

Ristori per i trecento maestri di sci toscani

Il Consiglio regionale della Toscana ha stanziato 200mila euro per gli istruttori che non possono lavorare a causa della pandemia da Covid-19



FIRENZE — Il Consiglio regionale della Toscana ha stanziato 1,5 milioni di euro per sostenere le partite iva del mondo dello spettacolo e della cultura, le pro loco e i maestri di sci, soggetti lasciati fuori da altre misure di sostegno per affrontare la crisi economica conseguenza di quella sanitaria dovuta alla Covid-19.

I circa 300 maestri di sci toscani potranno contare su 200mila euro di contributi ed è stato previsto un ristoro fino a un massimo di 800 euro cadauno.

A presentare i ristori è stato l'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale composto dal presidente Antonio Mazzeo, i due vicepresidenti Marco Casucci e Stefano Scaramelli, i segretari Federica Fratoni e Diego Petrucci.

A parlare del provvedimento è stato Petrucci, oggi in Consiglio regionale, ma fino a poche settimane fa sindaco di Abetone Cutigliano e che quindi conosce bene le difficoltà che vivono i lavoratori montani: "Oggi, abbiamo presentato, una proposta rivolta alla Toscana profonda. Tra i vari interventi, per un milione e mezzo di euro complessivi ritagliati dall’avanzo di bilancio, ci sono quelli a favore del mondo della cultura e dello spettacolo, sostegni per le Pro Loco ma anche un contributo, 200 mila euro, a favore dei maestri di sci che aspettavano le vacanze di Natale per poter lavorare e che quest’anno non potranno farlo. La montagna sta infatti soffrendo moltissimo la crisi economica conseguente alla pandemia. E’ evidente che la scorsa stagione invernale è andata quasi deserta a causa del lockdown ed in questa seconda ondata è vietata la riapertura degli impianti di risalita”. 



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità