QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CASTELNUOVO DI GARFAGNANA
Oggi 15°26° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
lunedì 25 giugno 2018

Attualità lunedì 27 novembre 2017 ore 15:10

Gonfalone d'argento al papà della Grotta del Vento

Eugenio Giani, Andrea Marcucci e Vittorio Verole Bozzello

Il Consiglio regionale lo ha assegnato a Vittorio Verole Bozzello che, 50 anni fa, scoprì la Grotta del Vento e ne ideò il percorso di visita



FIRENZE — Ha creato il percorso della Grotta del Vento in Garfagnana, eccezionale esempio di carsismo sotterraneo che richiama ogni anno in Garfagnana cinquantamila visitatori: questa mattina Vittorio Verole Bozzello è stato insignito del Gonfalone d’Argento del Consiglio regionale della Toscana. A spiegare le motivazioni del riconoscimento e a consegnare il premio è stato il presidente del parlamento toscano Eugenio Giani.

“Vogliamo premiare un uomo che cinquanta anni fa ha avuto un’intuizione geniale - ha spiegato Giani - Ha saputo scoprire, partendo da una cavità da cui usciva un soffio d’aria, una grotta straordinaria, e ha saputo ideare un percorso di oltre quattro chilometri che permette di ammirare uno degli esempi di carsismo più belli in assoluto. Ci prendiamo l’impegno politico di renderne raggiungibile l'ingresso anche in autobus, dato che al momento, a causa di una strozzatura nella strada di accesso, si può arrivarci solo in auto”.

Per consegnare il premio Giani ha voluto accanto a sé anche Andrea Marcucci, presidente della commissione Istruzione pubblica e Beni culturali del Senato. “La consegna del Gonfalone d’argento è un’iniziativa meritevole - ha detto Marcucci - che premia un imprenditore il quale, mosso da curiosità e da conoscenza scientifica, è riuscito a fare il miracolo e ad attrarre visitatori, in un periodo in cui di turismo in valle del Serchio e in Garfagnana non parlava nessuno”.

Concetto, questo, ribadito anche dal sindaco di Fabbriche di Vergemoli, Michele Giannini. “Il paese è legato a doppio filo alla Grotta del vento – ha spiegato – ed è grazie a quest’uomo e alla sua famiglia che tanta gente oggi lavora e può continuare a vivere a Fabbriche”. In rappresentanza della provinca di Lucca, Nicola Boggi ha sottolineato “la grande capacità di Vittorio Verole Bozzello di intercettare flussi turistici, anche attraverso un’attenta azione di marketing”.

Infine, la parola al premiato, che si è detto onorato di un riconoscimento assolutamente inatteso. “Tutta la mia vita è stata dedicata alla divulgazione del mondo sotterraneo – ha detto Verole Bozzello -. Quando ho iniziato di grotte non si parlava affatto. Ho scelto la Grotta del vento perché è ideale per spiegare tutte le fasi evolutive e gli aspetti biologici e idrologici”. Secondo Bozzello, però, la grotta “dal punto di vista turistico ha ancora un potenziale non sfruttato appieno”. “Dei 50 mila visitatori l’anno – ha aggiunto – solo il 10 per cento è costituito da gite organizzate e gruppi, mentre per altre grotte questo tipo di turismo raggiunge il 50 per cento”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità