QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
CASTELNUOVO DI GARFAGNANA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News garfagnana, Cronaca, Sport, Notizie Locali garfagnana
venerdì 24 novembre 2017

Attualità lunedì 14 agosto 2017 ore 17:42

E' allarme per il coleottero che distrugge i fichi

I produttori fichi secchi di Carmignano lanciano una petizione a salvaguardia di questi alberi e dei frutti colpiti dal punteruolo nero del fico

CARMIGNANO — Il fico secco di Carmignano è in grave pericolo per colpa del coleottero curculionidae, insetto di origine asiatica e la sua esistenza sembrerebbe strettamente associata al genere del ficus. 

Purtroppo non è considerato un parassita da ''quarantena'' pertanto non sono in vigore decreti di lotta obbligatoria. E' proprio dall'avvistamento del 2015 che si sono registrate varie segnalazioni di danni, talvolta anche ingenti, su tutto il territorio toscano, in particolare nelle zone di Carmignano e nella Garfagnana a causa di numerosi attacchi del coleottero su piante giovani e in piena produzione, che hanno poi portato a diffuse morie di piante, creando problemi di raccolto agli agricoltori e produttori di fichi secchi. 

Secondo quanto accertato il coleottero curculionide attacca le piante di fico conducendole progressivamente a morte, favorendone lo stroncamento a seguito dello scavo di gallerie corticali e nei tessuti legnosi. 

Per questo motivo, l'Associazione produttori di Carmignano ha indetto la petizione ''Salviamo il fico!'', per raccogliere "quante più adesioni possibile per chiedere alla Regione e al ministero l'accesso a fondi per lo studio del coleottero e la ricerca di metodi utili alla salvaguardia delle piante di fico al fine di evitarne l'estinzione".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità

Politica